Consigli utili per aiutare i propri figli senza scuola e amici

bambino noia

Molti bambini in tutto il mondo hanno abbandonato temporaneamente la scuola a causa del coronavirus.

Per questo motivo, è probabile che molti provino ansia. Ma come possono i genitori aiutare i loro figli in questa situazione?

Sebbene in condizioni normali milioni di bambini attendono con ansia il periodo di vacanza per essere liberi da responsabilità, quello che stanno vivendo ora non è normale . È probabile che trascorrano giorni e notti senza uscire di casa con i genitori.

Non avranno molti contatti con i loro amici e per gli adolescenti l’annullamento dei rapporti amicali genera una sorta di trauma.

Questa situazione diventa preoccupante sia per genitori che per i figli che dovranno affrontare insieme questo periodo. Sarà molto stressante perché oltre alle conseguenze per l’educazione e lo sviluppo sociale dei propri figli, dovranno aggiungerci le incertezze a livello di salute, economiche e lavorative.

Routine costante

Si raccomanda ai genitori di stabilire una routine chiara, soprattutto per i più piccoli. Ad esempio, un paio d’ore di studio al mattino o un’attività artigianale in un momento specifico nel pomeriggio.

Ciò vale soprattutto per i bambini in età pre-adolescente che tendono a isolarsi rapidamente se trascorrono molto tempo da soli.

Pertanto, i genitori dovrebbero giocare con loro e motivare i più avventurosi a prendere questa situazione come un ‘”avventura”. Va notato che questa strategia potrebbe non funzionare con i bambini più sensibili che avranno bisogno di maggiori rassicurazioni.

L’insegnante consiglia inoltre ai compagni di classe o ai membri di un gruppo musicale o di una squadra sportiva di rimanere in contatto tramite Skype, FaceTime o qualunque altro servizio di videochat. In questo modo possono giocare e condividere tra loro l’andamento delle rispettive giornate. Anche le videolezioni dovrebbero avvenire, soprattutto in determinate fasce d’età, in maniera meno rigida rispetto alle consuete lezioni.

I genitori dovranno essere creativi nel mantenere i loro figli in contatto con i loro amici e inventandosi nuovi giochi e modi per passare il tempo e non farli sentire eccessivamente annoiati e in ansia. Potrete anche fargli studiare l’inglese o fargli fare qualche altro corso che gli consenta di imparare qualcosa di nuovo divertendosi.

Dors | "Mamma mi parli del Coronavirus?"

Uscite di casa (quando è possibile)

Uscire di casa non è più così facile, il che può aggiungere una sensazione di claustrofobia. Coloro che possiedono giardino, terrazza, patio o balcone sono agevolati e possono usarli per prendere una boccata d’aria fresca e fare esercizi fisici.

È necessario mantenere un equilibrio tra salute mentale e fisica tenendo sempre presente delle restrizioni di ogni singola zona del nostro Paese.

Qualora sia possibile andare al parco o stare in mezzo alla natura, non c’è posto più salutare e meno pericoloso.

Limita il pessimismo ma sì realista

È quasi impossibile tenere lontani i più piccoli dal parlare del coronavirus, soprattutto se i genitori vogliono essere a conoscenza degli aggiornamenti tramite radio, giornali e televisione.

Tuttavia è consigliabile non esporre i bambini sotto i 10 anni di età a nessun tipo di notizia allarmante  a meno che non si tratti di uno spazio dedicato a quella fascia di età e che sa trattare il tema nell’ottica giusta.

Sebbene gli adolescenti siano più preparati a esprimere i propri giudizi, non dovrebbero essere lasciati nelle loro stanze per ore a cercare in Internet o utilizzare i social media senza supervisione. Anche la ricerca di notizie in merito al virus potrebbe avvenire secondo canali e fonti sbagliate creando un’idea errata della situazione che stiamo vivendo.

Un’altra potenziale conseguenza di così tante informazioni per i bambini è il “senso di colpa”.

I bambini potrebbero pensare che se tutto questo stia accadendo a causa di qualcosa che hanno fatto. È una situazione molto strana per loro . Dobbiamo insegnargli che non è colpa loro e che i bambini di tutto il mondo stanno vivendo la stessa esperienza e non è colpa di nessuno.

Le notizie sul coronavirus sono scoraggianti per le persone di tutte le età ma i genitori possono offrire una prospettiva diversa.

Allevia le loro paure pur essendo realistico. Non avrebbe senso negare tutto ciò che sta succedendo accanto a noi perché è inevitabile che il ragazzo ne sia direttamente coinvolto ma allo stesso tempo non c’è motivo di allarmare con il numero di morti o la possibilità di contrarre il Covid.

Preparati alle loro domande

Sarà difficile ma dobbiamo provarci. Dobbiamo includere i bambini in queste discussioni. Dall’età di 4-5 anni vorranno essere sempre aggiornati.

Le conversazioni tra i genitori su come sono preoccupati per il coronavirus possono protrarsi per tutto il giorno fino a che i bambini non andranno a letto e le domande al riguardo potrebbero essere tante. Preparatevi preventivamente le possibili risposte per evitare di sbagliare le risposte e creare uno stato di ansia o eccessiva rilassatezza nel bambino.

Quando finirà?

In molte occasioni, i bambini chiederanno se siamo vicini alla fine della pandemia

Per i più piccoli è un nuovo concetto. Dovrete fargli immaginare che sarà una specie di vacanza  lunga ma forse non altrettanto divertente.

Sicuramente dovrete rispondere a questa domanda a cui nessuno saprà date una risposta certa. In questo caso però, anche grazie all’imminente inizio della vaccinazione, dovrete infondere positività e cercare di alleggerire il carico di preoccupazione dei vostri figli.

You may also like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *