Le scuole private possono investire meglio nel marketing?

marketing-scuole-private

Nell’articolo di oggi, cercheremo di capire come le scuole private possono investire nel marketing e, soprattutto, come possono farlo modo migliore possibile, così da ottenere il massimo dal proprio budget, anche quando questo risulta limitato.

Per aiutarvi in tutto questo e per darvi i giusti consigli, ci siamo avvalsi della collaborazione di un’azienda attiva da ormai 20 anni nel digital marketing e che vanta la collaborazione con molte scuole private proprio in ottica di web marketing: Ediscom. Grazie all’aiuto di questa importante realtà piemontese, con sede a Torino, riusciremo quindi a capire come sfruttare il digital marketing per andare incontro all’esigenza delle scuole private di avere sempre nuovi studenti iscritti e come Ediscom genera lead, vale a dire contatti, altamente qualificati. Un’attività che propriamente è definita come lead generation e che è utilizzata in tutto il mondo (come dimostrano aziende come Webimax).

Scuole private: come sfruttare la lead generation

Le scuole private sono un grande aiuto per coloro che, per i motivi più disparati, non sono riusciti a concludere un ciclo di studi e vorrebbero recuperare. Uno dei vantaggi di questo tipo di scuola, rispetto a quella pubblica, è la possibilità di rivolgersi a persone di diverse età, aumentando il bacino dei possibili iscritti. Questo aspetto è molto importante, perché in base al pubblico a cui deciderete di rivolgervi, andrà realizzato un tipo di comunicazione differente, al fine di riuscire ad ottenere lead (quindi contatti) che siano realmente interessati a ciò che la vostra scuola propone.

In linea di massima, un istituto scolastico privato può rivolgersi a tre tipologie di pubblico (target): giovani studenti (fino ai 25 anni) che hanno perso uno o più anni di scuola oppure sono stati bocciati; genitori di questo tipo di studenti, che vogliono quindi aiutare i propri figli a recuperare il tempo perso; adulti che, molto probabilmente dopo anni, vogliono raggiungere un obiettivo scolastico che non sono riusciti a raggiungere da giovani ma che ora, magari con una famiglia e un lavoro solido, si sentono pronti per raggiungere. Fatta questa premessa, entriamo nello specifico di una campagna pubblicitaria.

Il vostro obiettivo finale sarà quello di far compilare a coloro a cui indirizzerete la campagna, indipendentemente dal tipo di pubblico, un form con i propri dati personali, così da poterli ricontattare e parlare loro a voce dei valori e dei vantaggi che otterrebbero dal frequentare la vostra scuola e, quindi, convincerli ad iscriversi.

Gli strumenti da utilizzare sono molteplici: potrete inviare un SMS con all’interno un link che rimandi ad una pagina di atterraggio (landing page) dove sarà presente il form di cui vi accennavamo poco fa; ancora, potrete raggiungere il vostro pubblico tramite mail, all’interno della quale inserire un “bottone” cliccabile (detto call to action o, abbreviato, CTA) che rimanderà alla solita landing page con form da compilare; oppure, potrete decidere di utilizzare i social media come Facebook e Instagram per raggiungere gli utenti che vi interessano e far loro compilare il form con i propri dati.

Veniamo ora al tipo di comunicazione da utilizzare, per far sì che le scuole private investano nel modo giusto sul marketing?

Se, per esempio, il vostro pubblico di riferimento sono giovani studenti (diciamo fra i 18 e i 25 anni), puntate sull’importanza di riuscire a recuperare gli anni persi ma, soprattutto, che potranno farlo condensando più anni in uno solo. Questo sarà per loro certamente un grande incentivo, perché sarà loro data la possibilità ad esempio di diplomarsi in un solo anno, condensando i programmi di quarta e quinta superiore. Se, invece, vi rivolgete ai genitori di studenti, fate leva sui programmi scolastici personalizzati e creati su misura per ogni studente, sulla possibilità di avere insegnanti che li seguano costantemente e ancora (questo per un genitore è un bell’incentivo) proponete uno sconto se il/la figlio/a verrà iscritto/a entro una certa data di scadenza.

Infine, se invece volete impattare persone adulte, presumibilmente già impegnate con un lavoro e, magari, con una famiglia e dei figli a cui badare, puntate sulla possibilità di personalizzare i giorni e gli orari delle lezioni e sul fatto di poter andare incontro alle loro esigenze, pur di aiutarli a raggiungere il loro obiettivi e, per esempio, prendere il diploma.

Seguendo queste poche e semplici regole, che devono comunque essere attuate attraverso l’aiuto di aziende esperte nel settore, potrete generare contatti qualificati e sicuramente interessati al servizio che offrite, aumentando le vostre possibilità di aumentare le iscrizioni presso la vostra scuola privata.

You may also like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *