Come ridurre lo stress

ridurre lo stress

Lo stress è una risposta fisiologica dell’organismo, una reazione ad uno stimolo particolarmente impegnativo che alza la soglia di attenzione.
Qualunque evento che perturba l’equilibrio di un individuo è uno stress.

Come la paura, anche lo stress non è sempre qualcosa di negativo. Esiste uno stress buono, che è quello che permette di raggiungere obiettivi e ottenere risultati, aiutando l’organismo a reagire velocemente allo stimolo. Tutti gli esseri viventi sono sottoposti a situazioni di stress, e la risposta dell’organismo può rivelarsi un salvavita in caso di pericolo. La resilienza è uno di questi effetti: succede qualcosa di negativo, ma viene metabolizzato. Senza reazione agli stimoli, la vita sarebbe pervasa di apatia.

Quando però l’individuo è sottoposto ad una tensione eccessiva o prolungata nel tempo, tanto da mantenerlo in continuo stato di allarme, allora gli effetti si fanno sentire a vari livelli: fisico, mentale e psicologico, con patologie che portano spesso a diagnosi che non analizzano la reale causa stressante. Soprattutto negli anni passati, l’anamnesi medica ha sottovalutato l’analisi di questo disturbo sempre più diffuso, portando ad analizzare i risultati, anziché valutarne la causa. Abbiamo così: spossatezza, dermatiti, ansia, depressione, attacchi di panico, insonnia, dolori in varie parti del corpo, cefalee, respiro difficoltoso, nausea… disturbi che vengono curati come malattia in sè e non come esito di qualcosa di diverso.

Ma come si cura lo stress?

La prima cura consiste nell’identificare le cause scatenanti. Tenere un diario su cui annotare i propri comportamenti e le proprie emozioni. Un supporto prezioso per ricominciare ad usare i colori.

Tra le attività che forniscono energia positiva troviamo:

  • Passeggiare. Questa semplice attività stimola la produzione di endorfine (ormoni del benessere) che hanno la capacità di regalare felicità e gratificazione, riducendo l’ansia e aumentando la serenità interiore;
  • Praticare yoga. Ascoltare il proprio respiro controllato e regolare, accompagnato da movimenti leggeri, aiuta a ritrovare la calma;
  • Respirare profondamente. Questi esercizi riducono la tensione e addormentano i pensieri che attanagliano la mente. L’aumento dell’ossigeno aiuta a recuperare la calma.

La vita frenetica di oggi aumenta notevolmente i motivi che inducono ad essere stressati.
Troppo spesso ci si trova intrappolati in una routine dove le nostre prospettive di vita sono falsate e risulta difficile varcare questo muro. Lo stress è infatti stato definito dall’OMS come il male del XXI secolo.

Se il disagio si focalizza soprattutto a livello emotivo, provocando disagio e agitazione ogni volta che ci si ritrova ad interagire con altre persone, l’aiuto arriva dalla psicoterapia comportamentale. Questa tecnica, agendo sui comportamenti e sui pensieri, rompendo gli schemi preesistenti, sostiene l’individuo nel suo percorso verso la liberazione della mente.

Ci sono tante altre attività che non implicano sforzi, ma che portano a risultati straordinari:

  • Ascoltare musica piacevole, che mette di buon umore;
  • Mettersi comodi e chiudere gli occhi, immaginando un paesaggio rilassante o una scena che trasmette tranquillità;
  • Farsi un regalo;
  • Ridere;
  • Avere coscienza del proprio essere. Focalizzare i pensieri su ogni parte del proprio corpo, concentrando l’attenzione su ogni singolo muscolo, partendo dalle estremità, in direzione del cuore, percorrendo dall’interno la consapevolezza della materia di cui siamo fatti;
  • Concedersi una vacanza. Essere consapevoli di non poter controllare tutto non significa arrendersi, ma significa prendere il controllo dei propri pensieri e comportamenti;
  • Avere consapevolezza dei propri errori e sfruttarli per continuare ad imparare;
  • Affrontare subito le situazioni stressanti. Rimandare prendendo (e perdendo) tempo significa continuare a concentrare l’attenzione su un evento sgradevole, rinchiuderlo nella mente, dove continua a crescere. Molto meglio liberarsene, “togliersi il peso”;
  • Organizzare lo spazio. Liberarsi dal vecchio per lasciare spazio al nuovo che aspetta di entrare.

In sintesi, per ridurre lo stress è indispensabile volersi bene, ripartire ogni giorno come se fosse un capodanno.

You may also like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *