Fotografo di nozze quale percorso deve seguire per diventare davvero un professionista

Fotografo di nozze

Il fotografo di nozze è una figura fondamentale quando si parla di matrimoni. Sarà infatti proprio questo professionista a raccontare il giorno più bello, immortalando baci, sorrisi ed emozioni. Seguirà gli sposi dalla preparazione al sì, fino alle fasi successive al taglio della torta, creando dei ricordi indelebili per tutti.

Ma cosa rende un fotografo di nozze perfetto? Per prima cosa è importantissimo che ci sia una forte empatia con gli sposi. Saranno loro infatti, in base alle sensazioni, a fidarsi di questo professionista che si mescolerà fra gli ospiti offrendo una visuale unica.

Fotografo di nozze: come riconoscere un professionista

Come riconoscere un professionista quando si sceglie il fotografo di nozze? Per prima cosa gli sposi dovranno incontrarlo per iniziare a creare un legame e capire se c’è feeling. In tanti scelgono di affidarsi al fotografo più famoso o a quello più in voga o che vanta tanti titoli. In realtà si tratta di un errore. Questo perché servono delle caratteristiche specifiche per diventare fotografo di nozze, ma la più importante è una: la sensibilità.

Il primo compito di un fotografo di nozze professionista è quello di raccontare emozioni forti, rendendo protagonista l’amore degli sposi con i loro romantici baci, le carezze e le risate. Una volta immerso nella festa dovrà cogliere le vibrazioni emanate da tutti gli invitati, grazie alla sua sensibilità e a una grande attenzione nel rendere quegli istanti indimenticabili. Il servizio si deve dunque svolgere in perfetta armonia, in accordo totale con gli sposi e nel pieno rispetto della privacy. Solo così tutto sarà perfetto!

Sergio Rapagnà, ad esempio, ha fra i suoi grandi punti di forza proprio l’empatia e la passione per la fotografia. “Chi sono è presto detto – racconta -: non faccio il fotografo da vent’anni, non ho fatto nemmeno lo stesso percorso di altri fotografi iniziando da locali ed eventi. Ho cominciato invece per gioco, partecipando a concorsi e fotografando per passione e per sfida. Finché non sono arrivate le prime soddisfazioni in eventi anche internazionali. Da lì ho dedicato sempre più tempo alla fotografia fino a creare una scuola di estetica fotografica”. 

Per Sergio la qualità migliore di un fotografo è proprio la sensibilità, che lui stesso ha sviluppato nel tempo. “Sono un fotografo che tende a creare un legame empatico con gli sposi – svela -, questo mi permette di capire le vostre aspettative, i gesti, i momenti e le distanze. Da questo legame cerco di tirare fuori una fotografia spontanea e naturale.

“Fotografare i matrimoni mi ha sempre affascinato perché è una fotografia completa – rivela -, mi permette di dare sfogo alla fantasia ed alla creatività compositiva e di cimentarmi in diversi generi fotografici, dal ritratto al paesaggio, dal reportage all’architettura. E poi, mi piacciono le storie d’amore, quelle con gli occhi lucidi e quelle dalle risate incontrollabili, mi piace ascoltare le parole, osservare gli sguardi, scoprire l’intimità di ogni coppia per raccontarla in uno scatto”

Fotografo di nozze: l’importanza dello stile

Lo stile di Sergio Rapagnà è molto particolare. Non si concentra solo sulle immagini di una coppia, ma cerca di cogliere stile e carattere degli sposi e della bellissima storia d’amore che stanno vivendo. Per questo cerca sempre di avvicinare il suo modo di guardare e di fotografare con lo stile ed il modo d’essere della coppia. Alla fine del giorno delle nozze, consegna delle gallerie che sono il migliore modo in cui gli sposi hanno la possibilità di rivivere e di condividere tutti i loro momenti magici.

You may also like

Leave a Reply

Your email address will not be published.